zonazzizazione area marina tavolara punta coda cavallo
zonazzizazione area marina tavolara punta coda cavallo

L’escursione a Tavolara da San Teodoro si svolge all’interno dell’Area Marina Protetta “Tavolara – Punta Coda Cavallo”, ai sensi del decreto ministeriale istitutivo del 12 Dicembre 1997 cosi come rettificato dal decreto ministeriale 28 Novembre 2001, sono individuate le zone appresso elencate, con i relativi regimi di tutela:

1) Zona  A – RISERVA INTEGRALE     

sono consentiti:
– l’accesso al personale dell’Ente Gestore, per attività di  servizio, e a quello scientifico, per lo svolgimento di ricerche debitamente autorizzate;
– la realizzazione di visite guidate subacquee, regolamentate dall’Ente Gestore, in aree limitate secondo percorsi prefissati, tenendo comunque conto delle esigenze di elevata tutela ambientale;
sono  VIETATI:
– la balneazione;
– la pesca professionale e sportiva;
– il transito di natanti e imbarcazioni fatta eccezione per quelli dell’Area Marina Protetta;

2) Zona B – RISERVA GENERALE    

sono consentiti:
– la navigazione  a natanti  e  imbarcazioni  a  bassa velocità  (non  oltre  10  nodi);
– le visite,  anche  subacquee,  regolamentate  dall’Ente  Gestore  dell’Area  Marina Protetta;
– la balneazione;
– l’ormeggio alle apposite strutture predisposte dall’Ente Gestore dell’ Area;
– la piccola pesca, con attrezzi selettivi e che non danneggino i fondali, ai pescatori pro¬fessionisti dei comuni le cui coste sono comprese nell’Area Marina Protetta, con un carico giornaliero regolamentato dall’Ente Gestore;
sono  VIETATI:
– la pesca professionale con reti a strascico e cianciolo;
– la pesca sportiva con qualunque mezzo esercitata;

3)  Zona C – RISERVA PARZIALE   

sono consentiti:
– la navigazione a natanti e imbarcazioni;
– l’ormeggio, come regolamentato dall’Ente Gestore dell’ Area Marina Protetta;
– le immersioni subacquee, compatibili con la tutela dei fondali;
– la piccola pesca, con attrezzi selettivi e che non danneggino i fondali, ai pescatori professionisti dei comuni le cui coste sono comprese nell’Area Marina Protetta;
– la pesca sportiva, se praticata con i seguenti sistemi e limitazioni: 
a) lenze e canne da fermo, lenze morte, bolentini, lenze per cefalopodi: non più di una per persona e con  massimo 3 ami;
b) correntine: non più di una a persona e con massimo di sei ami;
c) traina, non più di due per imbarcazione;

REGOLAMENTO DI ESECUZIONE E ORGANIZZAZIONE DELL’AMP

Nell’ Area Marina Protetta  vige un regolamento definitivo del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, approvato con decreto legislativo n° 299 del 03/12/2014, che regola nel dettaglio le diverse attività. Nelle zone “B” e  “C” è vietato l’ancoraggio, salvo che sui fondali sabbiosi o ciottolosi e nelle aree appositamente individuate ed attrezzate. Inoltre è vietata la pesca subacquea, l’utilizzo delle moto d’acqua e gli sport acquatici con l’uso di attrezzature a rimorchio.

L’escursione a Tavolara da San Teodoro è possibile con lo skipper in gommone. Quindi un noleggio con conducente. Oppure un gommone in affitto e visitare le calette o baie scelte in base alla direzione del vento, di conseguenza viene assicurato un bel bagno e tuffi nei fondali marini. Con visita alle piscine di Molara e le calette di Cala Girgolu.


it Italian
X
Call Now Button