Take A Tour

ISTRUZIONI PER LA CONDUZIONE DEL GOMMONE

Articolo

ISTRUZIONI PER LA CONDUZIONE DEL GOMMONE

NAVIGAZIONE

CONDUZIONE DEL GOMMONE, di seguito ti viene spiegato l’utilizzo per un noleggio sicuro e facile per navigare nell’area marina di Tavolara e Molara.
Per poter condurre in sicurezza bisogna rispettare alcune regole fondamentali,
navigare ad almeno 150 metri dalla costa: la zona costiera può presentare “scogli semi affioranti” ovvero scogli a pochi centimetri dalla superficie dell’acqua. Tuttavia per evitarli è sufficiente navigare ad almeno 150 metri dalla costa, se lo scoglio si trova più lontano è debitamente segnalato da un palo con delle luci lampeggianti.

Navigazione all’interno dei porti e dei corridoi: la navigazione all’interno dei porti porti e dei corridoi non deve superare i 3 nodi di velocità, per andare a 3 nodi è sufficiente inserire la velocità più bassa dall’acceleratore.

Sbarco in spiaggia: è possibile avvicinarsi alla spiaggia solo se provvista di corridoio di lancio, ed una volta scesi dal gommone, il natante va ancorato ad almeno 200 metri dalla riva (i 200 metri vengono segnalati con delle boe rosse), in caso non vi sia un corridoio è vietato avvicinarsi a meno di 200 metri.

ZONE PERICOLOSE

le zone pericolose come segnalate sulla cartina a bordo sono zone con scogli semi affioranti particolarmente pericolosi. Si possono trovare tra le piccole isole e/o scogli vicino alla costa e lungo la costa entro i 100 mt di distanza.

ZONE VIETATE

le zone vietate sono le zone segnalate in rosso sulla cartina, ovvero dove è proibita la navigazione, sono lungo la parete di tavolara, dietro tavolara (navigare ad almeno 500 metri di distanza) e tutto intorno l’isola di Molarotto. Le aree sono delimitate da dei grandi gavitelli gialli. Lo puoi vedere anche dalla cartina del regolamento dell’area Marina Tavolara Coda Cavallo

ZONE CONSIGLIATE

le zone consigliate sono zone belle, di facile accesso e sicure, si riconoscono subito perché sono generalmente dove si vedono più imbarcazioni ancorate, sono: le piscine di Molara, le calette di Cala Girgolu e la zona di Tavolara nella parte dove si trovano le sue tre spiagge accessibili con un pontile dove ormeggiare il gommone

ANCORAGGIO

l’ancoraggio va effettuato ad almeno 200 metri dalla costa ed all’interno dell’area marina protetta solo su fondali sabbiosi. la procedura per ancorare è la seguente:

  • individuare il punto di ancoraggio immaginario, lontano da altri natanti o rocce semi affioranti e a 200 mt dalla costa;
  • avvicinarsi a velocità minima e controcorrente (la controcorrente la si individua o osservando gli altri natanti ancorati e quindi si arriva perpendicolari e verso la prua degli altri)
  • arrivati a circa 10 metri del punto voluto di ancoraggio, mettere in folle la marcia del motore, (NON SPEGNERE IL MOTORE) aspettare che con l’abbrivio si arriva al punto esatto di ancoraggio, altrimenti se non sufficiente dare un piccolo colpetto di marcia avanti e rimettere in folle;
  • quindi con il gommone fermo e motore acceso in folle assicurarsi a vista di un fondale sufficiente per l’ancoraggio non oltre i 15 metri e fondale sabbioso, a questo punto far scendere l’ancora sul fondo facendo scorrere la cima;
  • quando l’ancora ha toccato il fondo la cima ha rallentato la velocità di discesa, a questo punto dare ancora cima almeno due volte la lunghezza del gommone, fatto ciò assicurare la cima alla bitta o anelli in dotazione;
  • dopo aver assicurato la cima dell’ancora al commone, aspettare che il gommone si metta a prua al vento, assicurarsi che non intralci o sia troppo vicino ad altri natanti ancorati, e controllare per qualche minuto se l’ancora ha preso e tiene sul fondo, aiutandosi con dei riferimenti fissi lungo la costa;
  • una volta certi che il gommone è ancorato bene sul fondo, si può spegnere il motore, aprire la scaletta e fare un bel bagno.

DISANCORAGGIO

La procedura per il disancoraggio è la seguente:

  • assicurarsi che tutti siano a bordo, che attorno non ci siano altri bagnanti in superficie che sott’acqua
  • chiudere la scaletta a bordo e ritirare eventuali cime del gommone in acqua, a questo punto si può accendere il motore;
  • raccogliere la cima fino a quando vedremo che risulta verticale sul fondo, a quel punto con uno strattone si libera l’ancora dal fondo e quindi sollevare tutta la cima e ancora a bordo, allacciare la sicura del motore e si può ora partire in marcia e navigare

In navigazione è consigliato mantenere una andatura di planata, questa consiste di accelerare la marcia avanti fino a quando si vede che il gommone si mette in orizzontale sull’acqua e si ha la sensazione che scivola, a quel punto si mantiene la velocità raggiunta. Questo permette di avere un’andatura regolare e con consumi ridotti.

In caso di un’imbarcazione subacquea ancorata o alla boa con il relativo segnalatore boa e/o bandiera, bisogna tenere una distanza di 200 mt da esso.

LE PRECEDENZE

Per la conduzione del gommone bisogna rispettare le regole di precedenza. I natanti e imbarcazioni che arrivano dalla nostra destra (dritta) hanno la precedenza. Le imbarcazioni che vanno a vela hanno la precedenza da entrambi i lati.

salimar gommone precedenza da destra

salimar gommone precedenza difronte salimar gommone precedenza rotta opposta

NAVIGARE CON ONDA FORMATA

Quando si naviga il gommone con onda formata, si governano le onde passandole con un angolo di 45° sul lato del gommone. Affrontare la salita della cresta dell’onda in accelerazione, per poi decellerare sulla cresta e riaccellerare passata la cresta.

In caso di vento rinforzato chiamare il noleggio per consigli sul rientro e la navigazione.salimar navigazione con onda

CONDUZIONE DEL GOMMONE

Alla consegna del gommone và verificato e accertato ogni sua parte di stato,che come medesimo và riconsegnato nello stesso stato. Alla restituzione ogni parte mancante o danneggiata và risarcita da parte del locatario,

IL GOMMONE

Il nostro noleggio offre diversi modelli di gommoni con alcune caratteristiche diverse, tutti i nostri gommoni sono dotati di ampio prendisole a prua, gavoni stiva ( per le borse sotto il prendisole ed uno in più riparato dall’acqua per telefoni e portafogli sotto il volante) e tendalini da fissare quando il gommone è ancorato e fermo, invece sotto la seduta più a poppa si trova un gavone generalmente utilizzato per dotazioni di sicurezza, serbatoio e batteria del gommone.

IL MOTORE

Per la conduzione del gommone, il motore si controlla attraverso l’acceleratore ed il volante, E’ IMPORTANTE CON IL MOTORE IN MOTO ASSICURARSI DI AVERE LA SICUREZZA ALLACCIATA, l’acceleratore ha sostanzialmente 3 marce, marcia avanti (si clicca la frizione e si porta verso l’alto la manopola), folle (qualsiasi sia la posizione della manopola la si porta verso il centro senza cliccare la frizione e si blocca da sola) e la retro (si clicca la frizione e si porta verso il basso la manopola).

Una volta inserita una marcia (retro o avanti) più si spinge la manopola (verso il basso o verso l’alto dipende dalla marcia che si sta utilizzando) più si da gas al motore e più si accelera, mentre in folle il motore è acceso ma è fermo (l’elica non gira).

Per quanto riguarda il volante serve per cambiare la direzione del gommone in navigazione, la prua del gommone segue la direzione del volante (se si gira a destra va a destra, se si gira a sinistra va a sinistra).

Nella conduzione del gommone, è più sicuro navigare in piedi, in questo modo si ha una visuale migliore. Inoltre in caso di controluce e/o riverbero sull’acqua tenere più attenzione per difficoltà di vedere ostacoli o rocce semi affioranti.

SCOGLIO ALL’ISOLA ROSSA

Il primo scoglio semi affiorante a cui fare attenzione si trova tra l’isolotto di fronte alla spiaggia di Baia SAlinedda e la costa, infatti sono collegati da una lingua di terra sommersa da pochi centimetri d’acqua

SCOGLIO ALL’ISOLA DI PRORATORA

Il secondo e il terzo punto a cui fare particolarmente attenzione si trovano a Punta Coda Cavallo,  e sono uno a pochi metri dalla costa e l’altro tra la costa e l’isola di Proratora che infatti ha in alcuni punti un fondale di pochi centimetri che può essere pericoloso in navigazione

SCOGLIO ALL’ISOLA DI MOLARA

Il quarto e il quinto punto che sono molto pericolosi si trovano alle piscine di Molara, per evitare il quarto punto è sufficiente rispettare la distanza minima dalla costa di 200 m per l’ancoraggio, per evitare il quinto invece basta navigare tenendo alla destra l’isola del fico

LE LOCALITA’ DA VISITARE IN GOMMONE

Nella conduzione del gommone le località migliori da visitare nella zona dell’area marina protetta vi sono sicuramente le calette di Cala Girgolu dove è possibile vedere lo scoglio della tartaruga, i sassi piatti e cala delle vacche dove è possibile effettuare un ancoraggio per farsi un bagno

Altra località molto bella è le piscine di Molara una zona di fondale sabbioso con una profondità costante di 7/8 m dove è possibile effettuare un ancoraggio in tutta sicurezza anche qui per fermarsi a fare un bagno sempre mantenendo una distanza dalla costa di circa 150 metri

Un’altra località molto bella è Tavolara l’isola più grande della zona lunga circa 6 km con al suo interno 2 bar un ristorante e 3 spiagge con servizi di lettini ombrelloni, è possibile scendere sull’isola attraverso un pontile in cui ormeggiare il gommone,  Il pontile a pagamento è facilmente accessibile anche a persone inesperte essendoci dei ragazzi che se necessario aiutano a con le manovre e  sull’isola c’è anche un percorso naturalistico molto bello se si vuole fare una passeggiata

LE DOTAZIONI DI SICUREZZA

Le dotazioni di sicurezza comprendono sei giubbotti di salvataggio, che vengono conservati all’interno del gavone sotto il prendi sole.

I giubbotti di salvataggio devono essere utilizzati durante la navigazione e sono dotati di un fischietto per la segnalazione acustica

I razzi e l’estintore invece vengono conservati all’interno del gavone, oppure sotto la pilotina, in modo tale da essere protetti dall’acqua. L’estintore si utilizzata nel caso di un incendio. Mentre i razzi si usano se il gommone è in avaria senza possibilità di contattare nessuno.

PROBLEMI CON IL GOMMONE O IL MOTORE

In caso di problemi nella conduzione del gommone, se il motore non parte non c’è bisogno di preoccuparsi. in questo caso quello che bisogna fare è se si è già tirata su l’ancora ributtarla in acqua. Altrimenti se l’ancora si trova ancora in acqua rimanere ancorati, a questo punto chiamare il noleggio e comunicarci la posizione.

Se invece il problemi riguarda il gommone, ad esempio uno dei tubolari si è sgonfiato, bisogna chiamare il noleggio per comunicare la posizione ed il problema.

In qualsiasi caso in cui il problema si rivela grave e si è impossibilitati a proseguire, basta semplicemente buttare l’ancora in acqua, spegnere il motore e chiamare noleggio e ci occupiamo di tutto noi.

Per la conduzione del gommone tutto è semplice, l’importante è tenere attenzione e ricordarsi di quello spiegato, in caso di dubbi contattare il noleggio.


it Italian
X
Call Now Button